Stronger (2017)

HERO

Boston, 2013. Jeff Bauman rimane coinvolto nell’esplosione avvenuta durante la storica maratona. Costretto su una sedia a rotelle a causa della perdita delle gambe, Jeff inizia un difficile percorso fisico e mentale, diventando un esempio di forza e di speranza per tutta l’umanità. E il vincitore dell’Oscar come miglior attore protagonista è Jake Gyllenhaal!! Non per fare gli uccelli del malaugurio, ma questa volta Jake se lo merita davvero. Il suo Jeff è uno straordinario esempio di recitazione fisica, ma soprattutto psicologica. Lo stile registico asciutto di David Gordon Green permette a Gyllenhaal di lavorare per sottrazione, costruendo un personaggio complesso e complicato, senza cadere in facili istrionismi. Sul piano tecnico, uno dei punti di forza del film è la bravura di David Gordon Green nell’evitare il melodramma e la facile retorica, riuscendo ad alleggerire la drammaticità della vicenda con punte di ironia azzeccate e mai fuori luogo. Ma è anche capace di pugni allo stomaco potenti come la lunga scena del flashback di Jeff. Grande sorpresa della pellicola è anche l’interpretazione di Tatiana Maslany, strepitosa Erin, capace di esprimere una gamma di emozioni con il solo uso dello sguardo. Una vera rivelazione. Stronger è un bellissimo esempio di cinema con la C maiuscola, a metà strada tra l’indie e il commerciale. Siamo sicuri che ai prossimi Oscar dirà la sua. Toccante !!!

trash
“assente”

cult
“le straordinarie interpretazioni di Gyllenhaal e Maslany”

logotrailer